forex trading logo


Contatti Analisi valute Come investire Mercati Finanziari

Segnalazioni

Home Analisi valute EUR-USD Eur/Usd: segnali ribassisti

Eur/Usd: segnali ribassisti

PDF Stampa E-mail
Trading con Plus500 Ltd: * Trading indici | Conto demo trading | Inizia a fare trading | Trading Bitcoin Italia
*( Un trader con un conto Plus500 può negoziare CFD con strumenti finanziari sottostanti come Forex, Azioni, Materie Prime, Opzioni e Indici.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro a causa della leva finanziaria. 80,6% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuta il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre un alto rischio perdendo il proprio capitale).
Analisi valute - EUR-USD
Scritto da Lorenzo Sentino   
Martedì 06 Novembre 2012 12:06

 

Nelle ultime sedute il cambio euro/usd ha registrato evidenti segnali di debolezza tanto che dopo aver tentato il superamento dell’area 1,31-1,32, il pair ha messo in atto una discesa fino a toccare i minimi a 1,2830 nell’ultima seduta dell’ottava precedente.

Gli indicatori tecnici, come il Macd ed il Parabolico Sar fanno presagire una prosecuzione di debolezza, che sarebbe acuita dal cedimento della resistenza tecnica e psicologica situata a 1,28, che farebbe da apripista ad una prosecuzione del trend ribassista che potrebbe portare velocemente il cambio in area 1,26-1,265.

Di contro, solo un ritorno sopra 1,30 potrebbe allentare le pressioni ribassiste, con il tentativo di superare la resistenza a 1,308 che sancirebbe un’inversione del trend di breve periodo.

Di seguito il grafico a tre mesi dell’eur/usd che dimostra dopo il rialzo incontrastato messo in atto da agosto, il trading range 1,28-1,31 in cui il cambio si trova da circa due mesi.

 

Grafico Euro/Dollaro – Fonte Yahoo finance

trend Euro Dollaro

 

Da un punto di vista macroeconomico la ripresa del dollaro è spinta anche da alcuni dati sopra le attese come quello del mercato del lavoro pubblicato venerdì, e dalla rinnovata avversione al rischio verso l’Eurozona, che potrebbe registrare in settimana nuove tensioni se non dovessero arrivare segnali positivi da accordi sui salvataggi di Grecia e Spagna.

La sensazione prevalente è che il cambio non registrerà variazioni significative almeno fino al termine delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti, dalle quale emergerà anche la politica monetaria che la Fed assumerà da qui ai prossimi anni, con l’incombere del Fiscal Cliff. La posizione dell’attuale presidente Ben Bernanke noto per aver una posizione espansiva di sostegno ai mercati finanziari, è messa in discussione in caso di sconfitta di Barack Obama, tanto che lo stesso economista ha espresso serie perplessità sul suo terzo mandato.



Lorenzo Sentino
Trader indipendente
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento Lunedì 21 Marzo 2016 18:45
 


Powered by Forex-online.it! Valid XHTML and CSS.

Avviso importante sui rischi: le opzioni, il forex o gli altri strumenti finanziari offrono grandi possibilità di profitto, ma anche molti rischi. Per questo motivo il trading non è adatto
a tutti gli investitori; prima di compiere qualsiasi operazione, investimento o deposito di denaro, è necessario comprendere appieno sia le potenzialità che i rischi. Bisogna essere pienamente
coscienti delle potenziali perdite, per evitare sgradevoli situazioni. Tutte le informazioni contenute su Forex-online.it sono fornite a solo scopo informativo e non costituiscono sollecitazione
ad investimenti di qualsiasi genere. Non siamo un broker, una banca, una società d'investimento o un intermediario finanziario e non forniamo alcun servizio finanziario, d'investimento
o di trading, pertanto, non ci riteniamo responsabili per qualsiasi eventuale perdita subita dal visitatore. Inoltre, Forex-online.it non garantisce dell'accuratezza o della completezza
delle informazioni fornite, e non si ritiene responsabile per qualsiasi errore, omissione o imprecisione.