forex trading logo


Contatti Analisi valute Come investire Mercati Finanziari

Segnalazioni

Login



Risorse

RSS Feed Forex Online

rss forex RSS Forex Online

Home
Forex online - mercato cambio valute
Terminologia usata per il Forex PDF Stampa E-mail
Trading con Plus 500: * Trading gratuito | Conto demo trading | Bonus Plus 500 | Conto trading gratis
*(servizio CFD, il tuo capitale è a rischio)
Come investire - Forex online
Scritto da Raffaello   
Giovedì 07 Ottobre 2010 12:11

Per iniziare ad operare nel Forex è necessario conoscere la terminologia utilizzata in questo settore finanziario.
Nel mercato delle valute la lingua di riferimento è l’inglese e questo può creare delle difficoltà, in quanto molti termini non possono essere tradotti nella lingua dell’investitore. Bisogna inoltre considerare che molti vocaboli del Forex sono tecnici, quindi non possono trovare una corrispondenza nel linguaggio comune.

Vi sono, quindi, dei concetti che non possono essere ignorati e che rappresentano la conoscenza di base per svolgere un’attività sul Forex:

  • Mercati delle Valute, sono suddivisi in Mercato OTC e Mercato Regolamentato. Il primo riguarda lo spot, il termine e le opzioni. Il secondo si riferisce allo scambio di futures e opzioni;

  • Tasso di Cambio indica il rapporto tra due valute ed è rappresentato dalle iniziali delle monete delle varie nazioni, divise da una barra (es. EUR/USD, cioè Euro su Dollaro americano). La prima moneta costituisce ciò che si è acquistato (in Euro), la seconda è il controvalore della moneta che viene venduta (United States Dollar). In gergo finanziario, questa operazione di compravendita è denominata anche “rialzista” o “andare lungo”. L’operazione contraria è detta “ribassista” o “andare corto” e prevede che l’investimento sia basato sulla vendita di Euro per acquistare Dollari americani;

  • Contratto di Forward, è l’accordo che viene preso con i mediatori per scambiare in data futura un certo quantitativo di valuta contro un’altra, al prezzo determinato al momento della stipula del contratto;

  • Spread, indica la differenza che deriva dalle quotazioni della moneta. Le quotazioni sono “bid”, quando il suo valore è basso, e “ask” quando il prezzo è alto;

  • Spot, è la transazione che avviene durante i due giorni successivi alla compravendita delle monete;

  • Margine di operatività, si ottiene quando gli intermediari finanziari consentono agli investitori di compiere considerevoli transazioni senza elevati esborsi di capitale.
Ultimo aggiornamento Lunedì 11 Ottobre 2010 12:09
 
Moneta unica - è buy! PDF Stampa E-mail
Analisi valute - EUR-USD
Scritto da Lorenzo Sentino   
Sabato 02 Ottobre 2010 16:28

Analisi tecnica forex EUR/USD weekly In questo momento il cross sembra voler far scattare un segnale STRONG BUY. I prezzi hanno rotto al rialzo le resistenze e anche le medie sono state violate al rialzo. Inoltri gli incroci si stanno posizionando in buy.

Dal grafico settimanale:

Trend ribassista da Ottobre 2009
Segnale SHORT dal Febbraio 2010
Prima resistenza 1,40
Primo supporto 1,32
RSI e Stoch ben direzionati

La strategia forex sul cross EUR/USD consiglia di rimanere LONG finché i prezzi si mantengono sopra 1,32 con target a 1,40 e 1,415 in caso di estensione.
Anche le bande di fibonacci sostengono il trend rialzista dato dalle bande divergenti e dai prezzi sopra la media centrale!

Resistenze e supporti sul cross EUR/USD per il forex trading online:

1,415

1,40

1,3790 ---> last price

1,3250

1,302


Dott. Lorenzo Sentino

Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Ottobre 2010 12:30
 
Primi passi nel mondo del Forex PDF Stampa E-mail
Come investire - Forex online
Scritto da Raffaello   
Giovedì 30 Settembre 2010 13:49

Per compiere i primi investimenti sul Forex non è necessario avere strumentazioni particolari o costose. Sono sufficienti: un normale computer non professionale, un eventuale monitor aggiuntivo oltre a quello normalmente utilizzato, e una connessione ad Internet con un contratto “flat”, per rimanere collegati senza vincoli di tempo.

Oltre a questi supporti tecnici l’operatore di Forex deve possedere minime conoscenze del mercato nel quale si troverà ad operare, e per questo sarebbe opportuno che prima di compiere reali investimenti dedicasse del tempo ad elaborare innanzitutto un piano di azione contenente, tra le altre cose, la scelta del broker (intermediario) attraverso il quale esercitare questa attività finanziaria.

Per chi ha qualche problema con la lingua inglese è consigliabile sottoscrivere un contratto con un intermediario italiano, poiché, nonostante non si debbano temere insidie contrattuali, risulterà più agevole avere una comprensione immediata delle condizioni offerte. Poi, bisogna scegliere la piattaforma di riferimento, in cui provare nei primi periodi le proprie tecniche di investimento. Si tratta di un ambiente fittizio, appositamente elaborato, nel quale effettuare dei test per affinare le tecniche operative che caratterizzeranno le contrattazioni future.

Un trader alle prime armi deve aggiornarsi frequentemente seguendo e confrontando i risultati ricavabili dall’analisi tecnica del mercato delle valute, ed interpretando i numerosi grafici disponibili anche nel web.
I siti dedicati al Forex sono degli strumenti fondamentali per raccogliere utili informazioni che riguardano l’andamento di una moneta, inoltre i forum a tema possono fornire ottimi consigli su come elaborare opportune tattiche finanziarie.

L’investimento iniziale non deve essere né troppo basso né eccessivo, proprio per consentire all’operatore di ottenere risultati soddisfacenti o di contenere eventuali perdite dovute all’inesperienza. L’importo ideale non dovrebbe essere inferiore ai mille euro.
Il tempo giornaliero necessario per controllare l’investimento, analizzare le variazioni e prendere le decisioni in tutta tranquillità è di circa un paio d’ore, anche se in principio può essere sufficiente una durata inferiore o un’applicazione non quotidiana.

Ultimo aggiornamento Lunedì 11 Ottobre 2010 12:13
 
USD/JPY FLAT PDF Stampa E-mail
Analisi valute - USD-JPY
Scritto da Lorenzo Sentino   
Lunedì 27 Settembre 2010 09:58

Il cross USD/JPY soffre sulle news giapponesi. Infatti dopo un rally rialzista che lo ha allontanato dai minimi, adesso torna a scendere. In particolare la volatilità è elevata. In questo momento visualizziamo sul grafico a 4 ore un certo movimento laterale ma dobbiamo attenzionare le bande di bollinger che sono molto strette.

Tutto ciò fa pensare che presto assisteremo ad un movimento violento. In particolare la base formata a 84,10 se rotta al ribasso proietterebbe i prezzi verso i minimi precendenti a 83 pti.

Per le operazioni di forex trading online attuali consigliamo di rimanere FLAT in attesa di direzionalità. Alternativamente posizionarsi al ribasso alla rottura del supporto.

RSI: mal direzionato

MFI: mal direzionato e accenna ad un movimento non correlato con i prezzi. Da attenzionare

Prima Resistenza: 85,20

Ultimo aggiornamento Mercoledì 29 Settembre 2010 19:56
 
« InizioPrec.81828384Succ.Fine »

Pagina 82 di 84

Ultime notizie

I più letti


Powered by Forex-online.it! Valid XHTML and CSS.

Avviso importante sui rischi: le opzioni, il forex o gli altri strumenti finanziari offrono grandi possibilità di profitto, ma anche molti rischi. Per questo motivo il trading non è adatto
a tutti gli investitori; prima di compiere qualsiasi operazione, investimento o deposito di denaro, è necessario comprendere appieno sia le potenzialità che i rischi. Bisogna essere pienamente
coscienti delle potenziali perdite, per evitare sgradevoli situazioni. Tutte le informazioni contenute su Forex-online.it sono fornite a solo scopo informativo e non costituiscono sollecitazione
ad investimenti di qualsiasi genere. Non siamo un broker, una banca, una società d'investimento o un intermediario finanziario e non forniamo alcun servizio finanziario, d'investimento
o di trading, pertanto, non ci riteniamo responsabili per qualsiasi eventuale perdita subita dal visitatore. Inoltre, Forex-online.it non garantisce dell'accuratezza o della completezza
delle informazioni fornite, e non si ritiene responsabile per qualsiasi errore, omissione o imprecisione.