USA: dati macroeconomici complessivamente inferiori alle attese

Stampa
Economia - Analisi Mercati finanziari
Scritto da Economic Research Banca Aletti   
Lunedì 17 Luglio 2017 11:43

Imprese USA trimestrali e dati macroUltima seduta della settimana leggermente al di sopra della parità per i mercati azionari americani in una giornata densa di comunicazioni di dati macroeconomici complessivamente inferiori alle attese che alimentano le riflessioni per una politica monetaria della Fed senza particolari pressioni relativamente ad un nuovo aumento del costo del denaro in Us penalizzando così i comparti dei finanziari in calo anche sulle incertezze relative ai ricavi comunicati nelle trimestrali societarie.


L’andamento dell’inflazione in USA nel mese di giugno ha evidenziato un indice dei prezzi invariato m/m dal precedente calo dello 0.1% e sotto le attese di in incremento dello 0.1% con la variazione tendenziale del +1.6% dal precedente +1.9% e inferiore alle attese pari al +1.7% con la componente core in aumento del +0.1% dal precedente +0.1% e contro attese pari al +0.2% con la variazione tendenziale del +1.7% dal precedente e in linea con le attese. Quindi le vendite retail per il mese di giugno hanno evidenziato una lieve flessione dello 0.2% m/m dal precedente calo  dello 0.3% e sotto le attese pari al +0.1% con la componente core in flessione dello 0.1% dal precedente dato invariato e contro attese pari ad un aumento dello 0.3%.


La produzione industriale in US sempre a giugno ha registrato un incremento dello 0.4% m/m dal precedente dato invariato e contro attese di un aumento dello 0.3%. Scorte delle imprese in aumento dello 0.3% m/m dal precedente calo dello 0.2% e in linea con le attese. Infine l’indice di fiducia elaborato dall’Università del Michigan ha registrato nella rilevazione preliminare per il mese di luglio un dato in calo a 93.1 punti dai precedenti 95.1 e sotto le attese pari a 95 punti con la componente delle condizioni correnti comunque in aumento a 113.2 punti dai precedenti 112.5 e contro attese pari a 112 punti e aspettative invece in calo a 80.2 punti dai precedenti 83.9 e contro attese pari a 84.4 con le attese di inflazione a 1 anno in aumento al 2.7% dal precedente 2.6%.


Prende avvio in modo più consistente anche la nuova stagione di comunicazioni di dati trimestrali con JpMorgan -1.4% che ha reso noti i dati di bilancio con un utile per azione di $1.71 in aumento da $1.43 dello stesso periodo dello scorso anno superando le attese pari a $1.58. Sopra le attese anche i dati comunicati da Wells Fargo -2.2% e Citigroup -0.7% con tutti e tre i titoli tuttavia in ribasso sui dubbi del mercato per i ricavi registrati.


Il Dow Jones ha chiuso in rialzo del +0.39%, S&P500 +0.47%, Nasdaq Comp +0.61%. Settori migliori: Semiconduttori +1.49%, Computers +1.10%, Immobiliari +1.06%. Settori peggiori: Assicurazioni +0.03%, Investment Banks -0.58%, Banche -1.00%. Vix -3.94% a +9.51 punti. Seduta negativa per i finanziari con l'indice più ampio delle banche Kbw -0.70% e con l'indice delle banche regionali -0.73%. Nel Dow Jones titoli migliori: Wal-Mart Stores +1.72%, Microsoft Corp +1.41%, Intel Corp +1.29%. Titoli peggiori: Home Depot Inc -0.27%, Goldman Sachs Gp -0.78%, Jpmorgan Chase -0.91%. Petroliferi +0.37%, con Chevron +0.30% e con Exxon +0.38% e con il greggio Wti 46.54 $/barile.




Economic Research
and Markets Strategy
Banca Aletti & C. S.p.A.
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento Lunedì 17 Luglio 2017 12:06